Libero Stato di Riohnet

Indice:
– La Capitale
– Geografia
– Fauna
– Popolazione
– Governo
– Economia
– Cultura & Fede
– Leggi

– La Capitale –

Riohnet, la più giovane delle cinque grandi città, rappresenta un vero e proprio centro cosmopolita dove storia, religione, usi e costumi dei quattro grandi Regni si incontrano, a volte mischiandosi e mitigandosi nei loro rapporti. In origine la città non era altro che la disposizione degli avamposti dei regni che avevano iniziato gli spostamenti e le spedizioni alla ricerca dei Cristalli, che sembravano essere abbastanza presenti in quella regione ai piedi della catena montuosa Gunthorba. Gli accampamenti con il passare del tempo oltre ad essere stati riforniti di soldati per proteggersi dai confinanti e da tutto quello che si trovava nelle cave, hanno vissuto l’arrivo dei lavoratori con le loro famiglie per l’estrazione dei cristalli, poi dei mercanti ed infine anche da parte dei ceti più alti dal punto di vista nobiliare, ma anche religioso. Si passò quindi da degli accampamenti alla creazione di vere e proprie cittadine, ognuna con la propria identità ma che con il passare del tempo e con l’espansione continua, sono arrivate a toccarsi nelle zone di confine andando a mischiare stili architettonici, usi e costumi.

Geografia

Il territorio del Libero Stato di Riohnet si va ad espandere dalla catena montuosa di Lemwall dove sono state scavate le miniere di Cristallo che hanno portato i Regni a fondare Riohnet, oltre ad essere un confine naturale con il Sultanato di Mumya. Sono sia dimora di alcune creature oltre che ad offrire rifugio da chi cerca di allontanarsi dalle zone più civilizzate anche se questo è inversamente proporzionale ai rischi che si possono correre in quelle zone. Le miniere li presenti sono sorvegliate giorno e notte da quattro guarnigioni di soldati, appartenenti ai quattro regni, che si danno il cambio con il resto dei soldati che si trovano in città. Ad ovest della città si trova il lago Diyur, fonte di sostentamento degli accampamenti prima e della città poi, funzionando anche da punto di arrivo per quelle navi che si arrischiano alla traversata del fiume Ohnet che scorre per la maggior parte lungo il Regno di Thyria. Intorno alla città troviamo la foresta, casa di molte creature così come di tutti quelli che preferiscono un luogo più tranquillo rispetto alla città, ma non per questo esente da pericoli di ogni genere. Il resto del territorio presenta zone pianeggianti o collinari che vengono attraversate dalle quattro Vie Imperiali che conducono ai Regni e che presentano lungo i percorsi varie stazioni di sosta dove potersi riposare al sicuro e rifocillare per il giusto prezzo. Nelle zone più lontane dalle vie principali è possibile trovare fattorie isolate o qualcuno che ha deciso di vivere da eremita ma anche i ruderi di chi appunto non è riuscito a sopravvivere alla solitudine o ha deciso di lasciarsi alle spalle quello che aveva. Per quanto riguarda le temperature, queste sono molto più miti nella zona dove è nata la città, per via anche della presenza del lago, mentre si vanno ad abbassare in maniera abbastanza importante quando ci si avventura verso la catena montuosa a Nord. Avremo quindi una stagione invernale ben definita, con temperature che scendono sotto lo zero molto facilmente nella zona montuosa; le precipitazioni sono ben distribuite durante l’anno con maggiore abbondanza durante la stagione fredda. Nella stagione estiva avremo temperature medie tra i 15° e 20° con picchi di 30° nei mesi particolarmente caldi.

– Fauna –

Nella zona del Libero Stato di Riohnet possiamo trovare una buona quantità di fauna locale, che può essere suddivisa in base alla zona in cui ci troviamo. Partendo da quelli tipici della foresta troviamo uccelli, lupi, cervi e cinghiali e tutti quegli animali di piccole e medie dimensioni, ma allo stesso tempo si potrebbe andare incontro ad alcuni esemplari che possano essere stati modificati per via dei Cristalli. Spostandosi sulla zona delle montagne troviamo una fauna più rarefatta sia per via delle temperature che per la presenza delle miniere: troviamo sia animali come caprioli e stambecchi, ma è possibile che tra le varie gole delle montagne o in qualche grotta ci possa essere qualcosa di davvero pericoloso. Nella zona del lago invece troviamo pesci di ogni specie e grandezza, mentre il fondale potrebbe nascondere anche qualcos’altro.

– Popolazione –

La popolazione si concentra ovviamente nella città, con sporadiche presenze sia nella foresta che nella zona pianeggiante. Molto più rara la presenza di insediamenti sulla zone delle montagne.

Mediamente popolose: Orchi, Chimere, Prescelti, Corrotti, Elfi, Umani, Naga, Gandrak, Drow e Acquatici.

– Governo –

Il governo nello Stato Libero di Riohnet è nelle mani delle quattro ambasciate, poste al centro di ogni quartiere, dove l’Ambasciatore è la massima carica presente, facente le veci dei vari regnanti sia in termini di politica che militari. Vengono eletti e mandati a Riohnet dai regnanti, spesso sono persone altamente fidate. Si occupano di fare e far rispettare le leggi che riguardano il quartiere di appartenenza, riunendosi solo in occasioni speciali che possano andare a riguardare provvedimenti riguardanti l’intera città, sia in termini di provvedimenti che legislazione. Al di sotto di questi troviamo i vari Quartiermastri, scelti a loro volta dagli Ambasciatori tra coloro che si sono distinti per le loro capacità e si sono dimostrati degni di fiducia e che si occupano di fare da rappresentanza e di occuparsi fisicamente delle varie faccende riguardanti il quartiere, scegliendo con il benestare dell’Ambasciatore, il Capitano delle Guardie che è a capo dei soldati presenti in città e scegliendo di volta in volta i turni per la guardia alle miniere e i turni di ronda in città. Ogni Quartiermastro viene affiancato da uno o più ministri che hanno poi il compito di occuparsi dei vari aspetti della città dalla riscossione delle tasse, al registro delle merci, al presiedere i tribunali ed altri incarichi minori. Dal punto di vista militare invece, il Capitano delle Guardie si occupa della guarnigione dei soldati li presenti, composta da fanteria e cavalleria per la maggior parte, ma non mancano alcuni esempi di macchine da guerra, anche se molto rari ed utilizzati solo in casi gravi. L’ordinamento all’interno dei vari eserciti è molto variabile a seconda del quartiere di riferimento, anche se tutti i soldati sono tenuti a rispondere in primis al loro Capitano e all’Ambasciatore, salvaguardandoli.

– Economia –

Per quanto riguarda l’economia della città, nei suoi primi anni di vita ha vissuto un periodo dove si effettuava il baratto tra le merci peculiari che ogni regno aveva, anche se ogni trattativa era sempre fatta con la massima attenzione per evitare sia di essere imbrogliati sia per evitare che si potesse scatenare una guerra che poi avrebbe visto uno dei partecipanti più debole per gli altri. Con l’espansione degli accampamenti, l’arrivo dei mercanti, il fondarsi della città vera e propria, anche l’economia ha fatto un salto in avanti, decidendo di utilizzare una “moneta” comune per tutti, in modo che si potesse comprare e vendere senza troppi problemi. Le monete di ogni Regno valgono tanto quelle di Riohnet, così da cercare di evitare squilibri e per fare in modo che gli scambi potessero alla fine far crescere non solo l’economia della propria nazione, ma anche il suo prestigio.

– Cultura & Fede –

Ogni Regno ovviamente ha deciso di avere nella città la propria rappresentazione e questo ha portato alla fondazione delle ambasciate con le rispettive delegazioni in modo che ci fosse una figura di fiducia per controllare gli interessi sul proprio quartiere e che i “vicini” non tentassero dei colpi bassi per poter aumentare il loro potere. Quindi in maniera compressa, la città rappresenta una sorta di miniatura che porta su di se tutte quelle caratteristiche dei quattro regni e delle rispettive fedi e tradizioni. Infatti, la delegazione di ogni capitale ha la propria struttura religiosa non molto lontana dall’Ambasciata e costruita in modo da poter permettere ai suoi fedeli di poter professare il loro credo in tutta sicurezza e tranquillità. Questo è vero ed accade fino a quando si è all’interno del rispettivo quartiere, una volta fuori da quello la possibilità di essere aggrediti verbalmente o meno da rappresentati di altri culti non è affatto da sottovalutare, anche se spesso atteggiamenti del genere vengono evitati per quanto possibile per cercare di non creare troppi attriti tra le diverse fazioni, ma quello che potrebbe succedere lontano dagli occhi e le orecchie della folla potrebbe avere dei risvolti non sempre positivi. Lungo le zone di confine dei vari quartieri, gli usi e i costumi sono andati spesso a mischiarsi e fondersi tra di loro, con una attenuazione dei caratteri e degli estremi di ogni civiltà, infatti quelle possono essere considerate zone franche frequentate maggiormente da chi vuole tenersi più distanti da eventuali fanatismi sia religiosi che politici.

– Leggi –

  • Gli ambasciatori e i loro delegati sono la massima rappresentanza dei Regni nella città e come tali vanno rispettati.
  • Chi verrà sorpreso a commettere un crimine, sarà perseguito dalle leggi del Quartiere dove il crimine è stato commesso. L’eventuale punizione verrà decisa ed eseguita dalle massime cariche presenti del Regno, dopo un processo dove assisteranno anche le altre Ambasciate.
  • I Templi sono gli unici autorizzati alla vendita dei Cristalli, inoltre è necessario tenere una documentazione con i nominativi di chi li acquista e in che quantità. Chiunque venga trovato in possesso di cristalli senza ricevuta di vendita, verrà arrestato e processato.
  • In città vige la libertà di culto. I luoghi sacri presenti in ogni quartiere devono essere rispettati. Ogni tipo di mancanza verrà segnalata al Quartiere di riferimento con conseguente persecuzione della persona.
  • In città è possibile girare armati, ma non è concesso l’estrazione o l’uso se non in caso di chiaro ed evidente pericolo di vita. I vari locali e attività commerciali, possono stabilire eventuali specifiche in merito alle armi dei clienti. Chi viene sorpreso a maneggiare armi dove non consentito o non in caso di pericolo verrà fermato dalle autorità e dovrà pagare una multa.
  • Sono vietati la nudità e gli atti osceni in luoghi pubblici, indipendentemente dal contesto e dall’orario. Chi verrà sorpreso o segnalato alla guardia cittadina, sarà multato e in caso di casi reiterati verrà anche arrestato.